·         iatrogeno:       che è relativo, conseguente ad una terapia medica; malattia iatrogena: effetto collaterale dovuto alla tossicità di un farmaco o di una terapia medica

·         iattazione:       condizione di irrequietezza propria degli stati ansiosi, che si esprime con un gesticolamento senza scopo

·         ictus:               insorgenza improvvisa di grave alterazione funzionale di un organo; - celebrale: trombosi o emorragia cerebrale a cui fanno spesso seguito uno stato di coma

·         idioglossía: produzione di suoni privi di senso

·         idiosincrasía: intolleranza propria di un organismo verso alcuni agenti esterni quali medicinali o alimenti

·         idiozía:            grave insufficienza mentale congenita

·         idragogo:        di farmaco atto a facilitare l’eliminazione dell’acqua

·         idramnio:        aumento anomalo del volume liquido amniotico

·         idrargirismo: avvelenamento da mercurio. Sin: Mercurialismo

·         idrogirosi:       alterazione della cute provocata dall’uso di preparati farmaceutici a base di mercurio

·         idrartro:          versamento sieroso di un’articolazione, per trauma o altra causa patologica

·         idremía:           aumento del contenuto acquoso del sangue, caratteristico di alcune forme di anemia e nefrite

·         idroalcolico: composto di acqua e alcol

·         idrocefalo:       accumulo di liquido cerebro-spinale nella cavità dei ventricoli cerebrali o nello spazio subaracnoideo

·         idrocele:          accumulo sieroso nella cavità vaginale dello scroto

·         idrofobía:        sintomo della rabbia che si manifesta con spasmi alla laringe e alla faringe impedendo la deglutizione

·         idroma:           tumefazione a contenuto sieroso

·         idronefrosi: affezione cronica del rene, per cui il bacinetto renale si dilata impedendo il deflusso dell’urina

·         idronipico:       di cura a base di acque minerali

·         idropinoterapia: di cura a base di acque minerali

·         idropisía:         accumulo anormale di liquido nei tessuti cutanei o in una cavità dell’organismo; malattia di un organismo vegetale dovuta all’accumulo di liquidi

·         igroma:           infiammazione di una borsa sierosa o mucosa

·         ileo:                 ultima parte dell’intestino tenue che si estende dal digiuno al cieco; osso che con il pube e l’ischio forma il bacino

·         ileocecale:       che concerne l’ileo e l’intestino cieco

·         ilio:                  osso del bacino. SIN Ilea

·         ilo:                   parte depressa d’un viscere nel punto di penetrazione di vasi e nervi

·         imene:             membrana tesa tra vulva e vagina che viene generalmente lacerata nel primo rapporto sessuale completo

·         imenoplastica: intervento chirurgico di ricostruzione dell’imene lacerato

·         immunità:        facoltà naturale o acquisita di un organismo animale di resistere all’azione patogena di batteri, virus e rispettive tossine, e in generale all’aggressione di sostanze riconosciute come nocive da un proprio sistema di difesa specializzati che si avvale di determinati organi e cellule

·         immunodeficienza: stato di riduzione notevole delle capacità del sistema immunitario di un organismo di produrre difese contro agenti patogeni provenienti dall’esterno o generatesi internamente

·         immunofluorescenza: tecnica diagnostica che permette di individuare anticorpi o antigeni mediante l’uso di sostanze fluorescenti

·         immunoglobulina: ciascuna proteina di un gruppo di proteine prodotte nell’organismo da linfociti, che funge da anticorpo, essendo in grado di legarsi a una sostanza estranea, neutralizzandone l’azione tossica

·         immunologia: studio dei fenomeni immunitari

·         immunoprofilassi: profilassi che si fonda sulla somministrazione di vaccini, di sieri o di immunoglobuline al paziente in modo da favorire lo sviluppo di anticorpi immunizzanti nel suo organismo

·         immunoreazione: reazione di un antigene con un anticorpo

·         immunosoppressore: principio che elimina o riduce le difese immunitarie di un organismo

·         immunoterapia: cura di una malattia infettiva che consiste nel favorire la produzione di anticorpi specifici da parte del soggetto malato

·         impetigine: malattia cutanea contagiosa, spec. nell’età infantile, caratterizzata da pustole superficiali da cui geme un liquido che si rapprende in croste giallastre

·         implantología: ricostruzione chirurgica della capigliatura in soggetti affetti da calvizie effettuata impiantando sulla cute ciocche di capelli; in odontoiatria sostituzione di denti mancanti o malati con protesi fisse impiantate sull’osso della mascella

·         inanizione:       condizione di più o meno grave decadimento organico dovuto a mancata o insufficiente nutrizione

·         incubazione: periodo di tempo che intercorre tra il contagio e le prime manifestazioni di una malattia infettiva

·         infartectomia: asportazione chirurgica di una porzione di miocardio lesa da un infarto che viene sostituita con sostanze sintetiche

·         infarto:            necrosi locale nel tessuto di un organo provocata da un insufficiente o cessata circolazione sanguigna in un vaso arterioso terminale

·         infezione:         processo morboso dovuto a microrganismi unicellulari patogeni

·         infiammazione: reazione dei tessuti irritati dell’organismo, caratterizzata da calore, arrossamento, gonfiore e dolore

·         infibulamento: trattamento ortopedico di contenzione delle fratture delle ossa lunghe consistente nell’inserimento nel canale midollare di una stecca d’acciaio che verrà rimossa in seguito chirurgicamente

·         infibulazione: pratica rituale in uso presso alcune popolazioni dell’Africa che ha lo scopo di impedire il rapporto sessuale restringendo l’orifizio vulvare mediante incisione e conseguente cicatrizzazione delle grandi labbra accompagnata talvolta da escissione della clitoride

·         infiltrazione: deposito di liquido organico nello spessore di un tessuto dovuto a cause patologiche

·         ilfravirus:        agente infettivo capace di filtrare attraverso le membrane cellulari che vive e si riproduce all’interno delle cellule

·         infusione:        azione del versare acqua bollente su doghe o altre sostanze vegetali al fine di estrarne i principi attivi, ottenendo bevande medicamentose

·         innervazione: inserimento e distribuzione dei nervi in una determinato organo

·         innesto:           intervento di trasporto di un organo o di un tessuto dalla sede normale in altra sede dello stesso organismo o di un altro della stessa specie

·         inoculare:        introdurre nell’organismo umano o animale un virus a scopo terapeutico o sperimentale

·         inseminazione: fecondazione

·         inserzione:       attacco di un tendine o di un muscolo alle ossa o alle cartilagini

·         instillazione: azione e risultato dell’instillare; applicazione di medicamento in gocce su mucose o cavità

·         insufflazione: introduzione di ossigeno o sostanze polverizzate in cavità del corpo raggiungibili dall’esterno a scopo terapeutico o diagnostico

·         insulina:          ormone prodotto dalle isole di Langherhans del pancreas che regola il tasso di glucosio nel sangue e la cui scarsità provoca il diabete

·         interferone: ciascuna proteina di un gruppo di proteine antivirali prodotte dalle cellule infettate da un virus che inibiscono la riproduzione di tale virus e di altri simili

·         interstiziale: che si trova negli interstizi

·         intertrigine: lesione della pelle cagionata dallo sfregamento di due regioni cutanee a contatto

·         introflessione: ripiegamento di un organo o di una parte di esso verso il suo interno

·         intubazione: introduzione di un tubo, di una sonda in un canale o in una cavità dell’organismo per mantenere la pervietà o per aspirare o immettere gas o liquidi

·         intumescente: che è o tende a diventare gonfio

·         invaginazione: azione e risultato dell’invaginarsi, del ripiegarsi di un organo o di parte di un organo verso il proprio interno come di dito di un guanto in parte rovesciato

·         in vitro:           di esperienza biologica che si svolge in laboratorio al di fuori dell’organismo vivente

·         ioglosso:          di muscolo posto tra l’osso ioide e la lingua

·         ioide:               osso posto fra la base della lingua e la laringe

·         ionizzazione: metodica terapeutica che impiega gas o liquidi ionizzati per l’immissione delle sostanze medicinali nei tegumenti

·         ionoforesi:       metodo con il quale si introduco nell’organismo ioni a scopo terapeutico

·         iotiroideo:       di muscolo situato tra l’osso ioide e la cartilagine tiroidea della laringe

·         iperacusia: aumento esagerato della sensibilità uditiva riscontrabile in alcune affezioni nervose

·         iperalgesía: aumento patologico della sensibilità dolorosa

·         iperazotemía: aumento eccessivo dell’azotemia

·         iperbulía:         eccesso di forza di volontà

·         ipercalcemía: aumento superiore alla norma della concentrazione di calcio nel sangue

·         ipercapnía: presenza di anidride carbonica i n quantità superiore alla norma

·         ipercheratosi: aumento dello spessore dello strato corneo dell’epidermide

·         ipercinesi:        aumento dei movimenti non volontari di un organo con capacità di contrazione

·         ipercloridría: eccesso di acido cloridrico nel succo gastrico; iperacidità gastrica

·         ipercromía: aumento della pigmentazione cutanea

·         iperdattilía: malformazione consistente nella presenza di un numero di dita superiore alla norma alle mani e ai piedi

·         iperemesi:        inclinazione a vomitare con frequenza

·         iperemía:         aumento dalla quantità di sangue che affluisce o ristagna in una determinata zona del corpo; congestione sanguigna

·         iperemizzante: che causa un aumento locale della quantità di sangue in un distretto dell’organismo

·         iperestesía: aumento della sensibilità delle terminazioni nervose di un organismo o di un singolo organo

·         iperfalangía: malformazione congenita consistente nella presenza di un numero di falangi superiore al normale in uno o più dita della mano o del piede

·         iperfunzione: attività eccessiva delle funzioni di un organo o di una ghiandola

·         ipergeusía: eccesso di sensibilità degli organi del gusto

·         iperglicemía: aumento anormale del tasso di glucosio nel sangue o glicemia

·         iperglobilía: aumento numerico dei globuli rossi nel sangue

·         iperidrosi:        eccesso di secrezione di sudore

·         ipermetropía: anomalia dell’occhio per la quale i raggi luminosi non convergono sulla retina ma in un punto dietro di essa cosí che le immagini vicine risultano sfocate. SIN Presbiopía

·         ipermnesía: aumento anormale della memoria frequente in soggetti maniaci

·         iperossía:         in fisiopatologia condizione in cui la pressione parziale dell’ossigeno negli alveoli è maggiore di quella atmosferica

·         iperpiressía: febbre altissima superiore ai 40 gradi centigradi

·         iperplasía:       aumento di volume di un organo o di una struttura dovuto alla moltiplicazione anormale degli elementi cellulari che li costituiscono

·         iperpnea:         aumento volontario o riflesso dell’aria introdotta nei polmoni

·         ipertensione: aumento eccessivo della pressione di un liquido o di un gas in un sistema organico; - arteriosa: alta pressione sanguigna

·         ipertiroidismo: esagerata attività funzionale della tiroide

·         ipèertonía:       aumento del tono muscolare

·         ipertricosi:       sviluppo eccessivo di peli in tutto il corpo o in parte di esso

·         ipertrofía:        aumento esagerato e morboso del volume di un organo prodotto dall’aumento di volume delle cellule che lo compongono

·         iperuresi:         aumento della diuresi

·         iperuricemía: aumento anormale dell’uricemia

·         iperventilazione: aumento del ricambio di aria nell’apparato respiratorio dovuto ad atti respiratori più profondi e ravvicinati tra loro

·         ipnogeno:        che provoca o facilità il sonno

·         ipnología:        studio della fenomenologia del sonno

·         ipnopatía:        inclinazione patologica al sonno

·         ipnosi:             stato psicofisico di sonno parziale prodotto con vari mezzi di carattere psicologico o con l’azione di speciali farmaci che provoca nel soggetto un elevato grado di suggestionabilità nei confronti dalla persona che lo ha determinato

·         ipnoterapía: metodo terapeutico basata sull’ipnosi

·         ipnotico:          relativo all’ipnosi; che combatte l’insonnia

·         ipnotismo:       complesso di metodi psicologici o fisiologici atti a provocare l’ipnosi

·         ipobulía:          diminuzione della forza di volontà

·         ipocapnía:       riduzione della quantità di anidride carbonica nel sangue

·         ipocolia:          insufficienza nella secrezione biliare

·         ipocondría: forma di nevrastenia depressiva che anticamente si credeva avesse sede nell’ipocondrio per la quale il malato ha la sensazione ansiosa di disturbi fisici spesso inesistenti

·         ipocondrio: ciascuna delle parti laterali superiori dell’addome, immediatamente sotto le costole

·         ipodermico: che si riferisce all’ipoderma; iniezioni ipodermiche: sottocutanee

·         ipodermoclisi: introduzione di soluzioni terapeutiche nel tessuto ipodermico per mezzo di apposito ago forato

·         ipofisi:             ghiandola endocrina a secrezione interna situata sotto la base dell’encefalo

·         ipogastrio:       parte inferiore dell’addome

·         ipoglicemía: diminuzione anormale del glucosio contenuto nel sangue

·         ipoglosso:        dodicesimo paio di nervi cranici che presiede al movimento della lingua

·         ipoleucocitosi: riduzione dei globuli bianchi presenti nel sangue

·         ipolipidico : che contiene pochi grassi

·         ipometropía: anomalia dell’occhio per cui i raggi luminosi non convergono sulla retina ma in un punto anteriore ad essa cosí che le immagini lontane non riescono percepibili; SIN Miopia

·         ipopituitarismo: condizione di scarsa funzionalità dell’ipofisi

·         ipoplasía:        insufficiente sviluppo di un organo per diminuzione del numero di cellule o per arresto del normale accrescimento

·         ipossía:            ridotta utilizzazione di ossigeno da parte dei tessuti

·         ipostasi:           ristagno di sangue nelle parti declivi del corpo che confluisce per gravità

·         ipotalamo:       parte anteriore del diencefalo che regola le funzioni somatiche e viscerali

·         ipotensione: diminuzione della pressione in un sistema organico

·         ipotermía:       riduzione della temperatura corporea al di sotto della norma

·         ipotiroidismo: insufficiente attività funzionale della tiroide

·         ipotonía:          diminuzione del tono muscolare

·         ipotricosi:        insufficiente sviluppo di peli che interessa tutto il corpo o solo una parte di esso

·         ipotrofía:         diminuzione del volume di un organo causa dalla diminuzione del volume delle cellule che lo compongono

·         iride:                membrana del globo oculare di forma circolare e diversamente colorata da persona a persona posta davanti al cristallino con funzione di diaframma

·         iridologia:       esame dell’iride a fini diagnostici

·         irite:                infiammazione dell’iride

·         irsutismo:        ipertricosi del tipo mascolino che si presenta nella donna spec. connessa con uno squilibrio del sistema endocrino

·         ischemía:         insufficiente apporto di sangue in un organo o ina parte dell’organismo

·         ischialgía:        nevralgia del nervo ischiatico

·         iscuria:            difficoltà nell’immissione dell’urina

·         isopatía:          metodo di cura omeopatica secondo il quale le affezioni devono essere curate con rimedi che producono i sintomi della malattia

·         isotonico:        di soluzioni che hanno pressione osmotica simile alla pressione del plasma

·         istamina:         composto organico presente in alcuni vegetali e in alcuni tessuti animali usata in medicina come vasodilatatore e come eccitante della secrezione salivare, gastrica e pancreatica, responsabile di determinare reazioni allergiche

·         istero-:             primo elemento di parole composte con significato di utero

·         isterografía: radiografia dell’utero e delle salpingi

·         istroide:           che presenta manifestazioni analoghe a quelle caratteristiche dell’isteria

·         isteroscopía: esame visivo dell’utero realizzato mediante l’isteroscopio

·         isto:                 primo elemento di parole composte con significato di tessuto

·         istogenesi:       branca dell’istologia che studia l’origine e la formazione dei tessuti

·         istologia:         disciplina che studia la struttura microscopica e ultramicroscopica dei tessuti organici viventi

·         istopatologia: ramo dell’anatomia patologica che studia le alterazioni microscopiche dei tessuti organici

·         ittero:              colorazione giallastra della cute, delle mucose e dei liquidi organici dovuta ad accumulo di pigmento del circolo sanguigno; - emolitico: nei neonati diminuzione di globuli rossi

·         ittiolo:             sostanza sciropposa di colore rosso-bruno estratta per distillazione da scisti bituminosi ricchi di pesci fossili, usata in medicina come antisettico, cicatrizzante e disinfettante intestinale

·         ittiosi:              malattia caratterizzata da rugosità e desquamazione della pelle

·         ittismo:            intossicazione provocata dall’ingestione di pesce avariato

  • IUD:    spirale anticoncezionale (Intra Uterine Device = dispositivo intra uterino)