·         labirintite:       infiammazione del labirinto dell’orecchio

·         labirinto:         parte dell’orecchio interno costituita da più cavità e canali sinuosi

·         lacero-contuso: di ferita prodotta per strappamento e compressione

·         lacinia:            formazione a frangia per lo più fibrosa o mucosa

·         lagoftalmo: chiusura incompleta della rima palpebrale dovuta a disposizione congenita o a cause morbose

·         logostoma: labbro leporino

·         lallazione:        balbettio del bambino intorno ai tre mesi di età precedente al linguaggio articolato

·         lalofobia:         timore morboso di parlare

·         lalopatia:         disturbo morboso nell’articolazione del linguaggio

·         lolopregia:       paralisi degli organi vocali

·         lambliasi:        malattia infettiva causa da un parassita intestinale che si manifesta con disturbi gastrointestinali

·         laparo-:            primo elemento di parole composte con significato di ventre, addome

·         laparocele: ernia addominale

·         laparascopia: esame diretto della cavità addominale a scopo diagnostico per mezzo del laparoscopio

·         laparotomia: apertura chirurgica della cavità addominale a scopo diagnostico od operatorio

·         laringe:            parte anteriore dell’organo respiratorio dei vertebrati a respirazione aerea posto tra la faringe e la trachea contenente le corde vocali

·         laringectomia: asportazione chirurgica della laringe

·         laringite:         infiammazione che colpisce la laringe

·         laringofaringite: infiammazione della laringe e della faringe

·         laringofono: apparecchio che applicato al collo, trasforma le vibrazioni delle corde vocali in impulsi elettrici amplificando la voce di pazienti sottoposti a laringectomia

·         laringoiatria: ramo della medicina che si occupa delle malattie della laringe

·         laringoplegia: paralisi della laringe

·         laringorragia: emorragia della laringe per trauma o malattia

·         laringostenosi: restringimento della laringe

·         latenza:           condizione, stato di ciò che è latente; tempo di -: intervallo che corre tra uno stimolo e la reazione da esso provocata; periodo di -: compreso tra i cinque e i sei anni e l’inizio della pubertà durante il quale si registra l’arresto nello sviluppo della sessualità che viene subliminata

·         latirismo:         intossicazione attribuita all’abuso di legumi del genere cicerchia che provoca disturbi motori degli arti inferiori

·         lattagogo:       galattagogo

·         latticemia:       contenuto di acido lattico nel sangue

·         lattico:             che si riferisce al latte; acido -: ossiacido organico che si genera nella fermentazione spontanea del latte in diverse sostanze alimentari e nei tessuti muscolari in seguito a sforzo fisico; fermenti lattici: microrganismi che anno la proprietà di decomporre gli zuccheri in acido lattico

·         lattobacillo: batterio che fa fermentare gli zuccheri trasformandoli in acido lattico

·         lattoflavina: vitamina B2

·         laudano:          soluzione alcolica di oppio contenente l’1% circa di morfina con aggiunta di zafferano, cannella, garofano e alcol usato come sedativo, analgesico, antispasmodico e sonniffero

·         lebbra:             grave malattia infettiva cronica dovuta al bacillo di Hansen propria dei paesi tropicali e subtropicali caratterizzata da lesioni cutanee e nervose progressive che determinano l’insensibilità o la distruzione di alcune parti del corpo

·         lecitina:           composto organico fosfolipide in cui il radicale fosfato è esterificato con l’amminalcol colina contenuto nelle cellule viventi (spec. cervello, sangue, rosso d’uovo, semivegetali) usato in medicina come ricostituente e nell’industria alimentare come emulsionante ed antiossidante

·         legamento: tessuto connettivo fibroso che unisce due o più segmenti ossei o sostiene un organo

·         lenitivo:           che ha virtù di lenire

·         leontiasi:         deformazione del volto dovuta a ipertrofia delle ossa facciali o a lesioni cutanee lebbrose per cui il volto acquista aspetto leonino

·         leprologià:       ramo della medicina che studia la lebbra

·         leproma:          nodulo cutaneo, sottocutaneo o mucoso causato dalla lebbra

·         leptofonia:       abbassamento della voce per lesione delle corde vocali

·         leptospira:       microrganismo dal corpo filamentoso a spirale responsabile di infezioni renali, epatiche e del sistema nervoso che vive in ambienti umidi o come parassita negli organismi di alcuni animali

·         leptospirosi: denominazione generica di varie forme infettive causate all’uomo e ad alcuni animali

·         letargia:          stato di sonno profondo di origine patologica

·         leucemia:         malattia acuta o cronico ad andamento progressivo caratterizzata da notevole aumento di globuli bianchi nel sangue

·         leuco-:              primo elemento di parole composte con significato di bianco, di colore chiaro

·         leucita:            globulo bianco

·         leucocitepoiesi: processo di formazione dei leucociti

·         leucodermia: mancanza totale o parziale di pigmento nella pelle dovuta a cause patologiche

·         leucoma:         macchia biancastra, opaca, che si forma sulla cornea come esito cicatriziale di ferita o di malattia infiammatoria

·         leucomielite: processo infiammatorio della sostanza bianca del midollo spinale

·         leucopatia: affezione congenita caratterizzata dalla mancanza parziale o totale di pigmento cutaneo

·         leucopenia: diminuzione del numero di leucociti nel sangue

·         leucoplasia: affezione delle mucose spec. della bocca che si manifesta con la formazione di chiazze biancastre

·         peucorrea:       secrezione vaginale biancastra

·         lichen:             malattia della pelle che comprende diverse forme tutte caratterizzate da eruzioni papulose seguite da ispessimento e increspatura dell’epidermide

·         licoressia:        aumento dell’appetito per cause patologiche

·         linfa:                liquido opalino che circola nei vasi linfatici e imbeve i tessuti organici

·         linfadenia:       ogni fenomeno patologico a carico delle linfoghiandole

·         linfadenoma: tumefazione a carattere neoplastico dei tessuti linfatici

·         linfangioma: tumore benigno dei tessuti linfatici

·         linfangite:        infiammazione acuta o cronica dei vasi linfatici

·         linfatismo:       stato costituzionale organico caratterizzato da sviluppo eccessivo degli organi linfatici

·         linfocita:          tipo particolare di leucocita che ha la funzione di produrre anticorpi

·         linfodrenaggio: tecnica di massaggio manuale o elettronico finalizzata a migliorare le condizioni del sistema linfatico evitando il ristagno di liquidi nei tessuti pratica spec,. nel trattamento della cellulite

·         linfoghiandola: ganglio di tessuto linfatico dislocato lungo il decorso dei vasi linfatici. SIN Linfonodo

·         linfogranuloma: malattia dei natura infiammatoria caratterizzata da tumefazione delle ghiandole linfatiche

·         linfoma:           tumore benigno caratterizzato da tumefazioni del tessuto linfatico

·         linfopenia:       diminuzione dei linfociti nel sangue

·         linfopoiesi: processo di formazione dei linfociti nel sangue

·         linfosarcoma: tumore maligno del tessuto linfatico

·         linite:               infiammazione e ipertrofia della mucosa gastrica

·         liofilizzazione: processo di essiccamento di sostanze organiche alimentari o farmaceutiche facilmente deteriorabili condotto sotto vuoto a temperatura inferiori allo zero allo scopo di permettere la conservazione di tali prodotti mantenendone inalterate le proprietà

·         lipectomia: asportazione chirurgica di tessuto adiposo

·         lipoaspirazione: liposuzione

·         lipolisi:            processo di scissione dei grassi alimentari nell’organismo

·         lipoma:            tumore benigno costituito da tessuto adiposo

·         liposarcoma: tumore maligno che si manifesta nel tessuto adiposo

·         liposolubile: di sostanza che si scioglie in solventi grassi

·         liposuzione: procedimento di rimozione dello strato adiposo sottocutaneo pratica a scopo estetico attraverso piccole incisioni nella zone da ridurre nelle quali vengono inserite cannule sottilissime che aspirano il grasso in eccesso al di sopra della massa muscolare

·         lipotimia:         svenimento, perdita di coscienza momentanea

·         lipotropo:        sostanza atta a evitare o ridurre l’accumulo di grasso nel fegato

·         lipuria:            emissione di grassi attraverso le urine

·         liquor:             liquido limpido e incolore che riempie le cavità del sistema nervoso centrale e gli spazi meningei

·         lisi:                  abbassamento graduale della temperatura febbrile o risoluzione lenta e progressiva di una malattia; scissione di una sostanza spec. per azione enzimatica

·         lisoformio:       liquido disinfettante, detersivo e deodorante composto da soluzione alcolica di sapone potassico e di aldeide formica

·         lisogenia:         integrazione di un virus in una cellula batterica con acquisizione da parte della cellula stessa delle proprietà di poter essere disgregata

·         lissotrico:        di capelli lisci e piuttosto grossi a sezione circolare tipici delle razze mongoliche

·         litiasi:              formazione di calcoli nell’organismo

·         litodialisi:        metodo terapeutico per la dissoluzione dei calcoli della vescica

·         litolisi:             dissoluzione dei calcoli per mezzo dell’assunzione di acque minerali o altre sostanze

·         litotomia:        operazione chirurgica consistente nel frantumare i calcoli spec. della vescica per favorirne l’espulsione

·         litotritore:       apparecchio per la frantumazione dei calcoli attraverso una complessa tecnica incruenta che sfrutta vibrazioni ad alta frequenza

·         lobotomia:       recisione chirurgica del collegamento tra i lobi cerebrali prefrontali e il talamo usata in passato per curare le malattie mentali

·         lochi:               secreti uterini che accompagnano il puerperio

·         logoclonia: disturbo del linguaggio caratterizzato dalla ripetizione incontrollata della sillaba finale di una parola

·         logopatia:        alterazione del linguaggio causata da disturbi del sistema nervoso centrale

·         logopedia:       parte della medicina che studia la fisiologia e la patologia degli organi del linguaggio e le cure dei disturbi cui possono essere soggetti

·         logoplegia: paralisi degli organi della parola

·         logorrea:         loquacità morbosa, irrefrenabile, frequente nei soggetti alienati

·         logoterapia: ogni tipo di terapia basata sulla comunicazione verbale

·         lambaggine: stato doloroso della regione lombare causato da distorsione delle articolazioni lombari o da affezione reumatica

·         lombalgia:       lombaggine

·         lombo:             regione muscolosa del dorso compresa tra l’ultima costola e il limite superiore del bacino

·         lordosi:            curvatura della colonna vertebrale a convessità posteriore

·         lue:                  sifilide

·         lupoma:           agglomerato cutaneo di molteplici tubercoli che si riuniscono in placche proprie del lupus

·         lupus:              malattia della pelle; - volgare: grave tubercolosi cutanea che provoca una lenta e progressiva distruzione dei tessuti colpiti spec: facciali

·         lussazione:       spostamento reciproco permanente, completo o incompleto delle superfici articolari di un’articolazione

·         luteina:            ormone prodotto dal corpo luteo; progesterone

·         lutoterapia:      cura dei fanghi